Archivio di Romolo Landi

Archivio di Romolo Landi

L’archivio, donato da Landi durante il suo periodo di presidenza presso l’Istituto, è costituito dalle carte prodotte e raccolte da questi durante la sua attività professionale, politica e culturale. Romolo Landi (Forlì, 1909-1980), oppositore del fascismo fin dagli anni Trenta, dopo l’8 settembre prende parte alla guerra di Liberazione. Membro dell’8ª brigata Garibaldi “Romagna”, nel1944 è nominato commissario politico del Comando Piazza di Forlì; nell’aprile1945 è arrestato dal governatore alleato insieme con l’azionista Domenico Bazzoli e il democristiano Afro Giunchi per avere diffuso una circolare in cui imponeva la vendita del pane ad un prezzo di gran lunga inferiore rispetto a quello imposto da un decreto alleato. È eletto nel XIII collegio elettorale di Bologna all’Assemblea Costituente nel gruppo comunista. Rientrato a Forlì, si dedica allo studio diplomandosi maestro nel 1953 insieme al figlio Eros. Vince la cattedra e insegna a Faenza per quattordici anni. Nei primi anni Settanta è nominato presidente dell’Istituto storico della Resistenza di Forlì.


»Consistenza: buste 2
»Cronologia: 1949-1978
»Strumenti di corredo: Censimento (Marta Magrinelli, Fabrizio Monti, 2019)